Ponte dei sospiri

Ponte dei sospiri

Il ponte dei Sospiri è costruito in pietra d’Istria, stile barocco, e fu realizzato agli inizi del XVII secolo su progetto dell’architetto Antonio Contin, figlio di Bernardino Contin e nipote di Antonio Da Ponte: il costruttore del ponte di Rialto, per ordine del doge Marino Grimani, il cui stemma vi è scolpito.

Questo caratteristico ponte di Venezia, situato a poca distanza da piazza San Marco, scavalca il rio di Palazzo collegando, con un doppio passaggio, il Palazzo Ducale alle Prigioni Nuove, to” title=”Il testo selezionato deve essere comprovato da una fonte affidabile. Modifica la pagina per aggiungere fonti.”>il primo edificio al mondo costruito per essere appositamente una prigione. Serviva da passaggio per i reclusi dalle suddette prigioni agli uffici degli Inquisitori di Stato per essere giudicati.

Conosciuto in tutto il mondo, è fotografato dai turisti provenienti da ogni dove, to” title=”Il testo selezionato deve essere comprovato da una fonte affidabile. Modifica la pagina per aggiungere fonti.”>dai soli due posti dai quali è osservabile, cioè dal ponte della Canonica e dal ponte della Paglia. Gli è stato attribuito questo nome perché la tradizione vuole che, ai tempi della Serenissima, i prigionieri, attraversandolo, sospirassero davanti alla prospettiva di vedere per l’ultima volta il mondo esterno.

https://it.wikipedia.org/wiki/Ponte_dei_Sospiri